Il tram a Libbiano… sogno o son desto?

Sogno o son desto?

Molte volte non sappiamo se l’immaginazione supera la realtà o viceversa.

Ma il tram a Libbiano… c’è stato oppure no?! La filastrocca che segue, descrive con minuzia di particolariil tram che sferragliava per le strade di Libbiano! Ma nessuno lo ricorda… non sono rimaste tracce della sua presenza… Come mai?

Forse leggendo con attenzione questa rara poesia, ritrovata chissà dove, ci può aiutare a capire meglio.

 

La poesia

Popolo mio, ti voglio raccontare

il fatto che mi accadde di sognare,

mi parve di rivare al Piazzale

dove la gente gode l’aria pura

e sentii due colpi di campane

scender da un auto a vettura,

io di volata mi voltai

e vidi il carrozzone del tranvai.

Ah, dissi dentro di me, che caso strano,

diceva bene il prete di Micciano

che col crescer della gioventù

si vedeva il tram elettrico quassù.

Io che feci? Armato di valigia

entrai nel tramme, fra quel pigia pigia.

Non avendo trovato posto ancora da sedere

venne un controllore e disse: ”Lei scende, signore?”

“Alle codette”, “Trenta centesimi perfavore”

io presi e sborsai le sei palanche in un momento

e la vettura si mise in movimento.

Partì dal Piazzalone con un gran tentennio di cristalli

mentre un corvaccio gridava: “Attenti ai calli!”.

Per mettersi le costole al sicuro

si pigiavano tutti addosso al muro.

Io che ero affacciato al finestrino

vidi la moglie del Poli pecoraia

poi vidi Sando

poi l’uscio di Primo

poi vidi la Mina tabaccaia;

verso casa del Nini si inoltrava il tramme,

rincorso da un gran branco di ragazzi

chiamati invano dalle loro mamme

così passò davanti alla Moratti.

Quando d’improvviso udì scosse di rabbia, urli e gnaulii,

guardai e c’era il Sarre con un gatto in mano

diceva il conducente: ”Bada qui che hai fatto

hai tagliato la coda al mi gatto”

e la Cammilla gridava: ”Oh poverina,

a me manno ammazzato la gallina!”.

Giunti alle Codette c’era un gran cartello:

SERVIZIO TRAMVIARIO POMARANCE-LIBBIANO-LARDERELLO

SAN TOMMASO-LA PISCINA-CERBAIOLA-L’AIA AL CERRO.

 

scritta da Anonimo, ricordata da Amerino Cerri

sogno o son desto?
Il tram a Libbiano: sogno o son desto?
Print Friendly, PDF & Email

Condividi questo articolo

I blog più letti